ODYSSEY

Quando a raccontare è quella luce misurata che ritaglia i corpi e la parola di attori che recitano in greco moderno.

Quando il testo di un autore noto a tutti ci fa domandare se l’abbiamo mai letto davvero.

Quando la musica di un pianista che accompagna i movimenti, i cambi scena e le parole di Omero tiene tutto legato assieme.

"Odyssey" di Robert Wilson

“Odyssey” di Robert Wilson

Quando la platea è colma di studenti che hanno la fortuna di conoscere l’Odissea in questa versione che, lo senti fin dalla declamazione iniziale, diventerà storia del teatro.

Quando la scenografia, gli oggetti di scena, i costumi sono essenziali e straripanti di significato insieme.

Quando gli occhi riconoscono che ogni elemento di quel che stanno guardando è opera di un artigianato sublime, sia esso il testo (tradotto dal poeta contemporaneo inglese Simon Armitage) o la testa di Polifemo o i suoni che sostituiscono le parole usate dagli attori.

"Odyssey" di Robert Wilson

“Odyssey” di Robert Wilson

Quando tutto sembra  semplice ma ti accorgi che è invece il risultato perfettamente riuscito di una creazione complessa, allora è capolavoro.

Robert Wilson (Progetto, regia, scene e luci) voleva realizzare un’Odissea leggera. Che potesse anche farci sorridere.

Ha scelto la Compagnia del Teatro Nazionale Greco per innalzare un ponte tra il passato e il presente, tra la Grecia odierna e il resto del mondo, stravolgendo la visione di chi ha sempre visto e messo in scena quest’opera in maniera tradizionale.

Wilson ha riempito di vuoto l’Odissea, il viaggio dei viaggi.

Il vuoto commovente dei volti truccati di bianco, di quelle movenze dei corpi più vicini al teatro senza parola, di quel testo così scarno che s’inclina a ogni soffio di vento che arriva dagli incontri che Omero fa insieme ai suoi compagni di viaggio.

Un vuoto che respiriamo dall’antichità a oggi, per ammettere che esiste una sola Odissea: quella che riporta ciascuno di noi nella propria Itaca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...